Stop all’abbandono indiscriminato di rifiuti di origine domestica. La proposta di Tota

Una interrogazione a risposta scritta sul problema dell’abbandono selvaggio di rifiuti e beni durevoli di origine domestica. A presentarla è stato il consigliere comunale di Orizzonte Siracusa, Dario Tota, che, mettendo il dito su quella che non è solo una questione politico-amministrativa bensì culturale, intende stimolare l’Amministrazione comunale ad una attività di costante monitoraggio, allo scopo di limitare il più possibile questo tipo di  comportamento illecito ed incivile. “Con lo spirito costruttivo che ci contraddistingue come movimento” – si legge nella nota del consigliere Tota – “non ci limitiamo solo a evidenziare i problemi, ma vogliamo proporre all’attuale amministrazione possibili soluzioni operative”. L’idea di Orizzonte Siracusa è quella di istituire un numero telefonico, gestito direttamente dal Comando di Polizia Municipale, al quale il cittadino può chiamare per segnalare il punto esatto in cui sono abbandonati  rifiuti e/o beni durevoli di origine domestica. L’agente che riceve la chiamata deve rilasciare un numero di protocollo ed il suo nominativo e, quindi,  passare la comunicazione alla ditta che si occuperà materialmente della rimozione dei rifiuti. Il tutto dovrebbe avvenire su una pagina web, appositamente creata. “Ciò” – spiega Tota – “permetterebbe, un ulteriore monitoraggio costante e immediato del territorio da parte dell’ente che gestirebbe in prima persona le segnalazioni e” – conclude il consigliere comunale – “potrebbe verificare sia la tempistica degli interventi che eventuali mancati interventi applicando successivamente tutte le sanzioni e/o azioni del caso sia interne che esterne all’ente”.

 

(foto: archivio siracusa2000. A destra l’avv. D. Tota)