Tiche, degrado ambientale di via Giarre e zone limitrofe all’ordine del giorno del CdQ

Siracusa non è solo Ortigia. La situazione igienico sanitaria in via Giarre e zone limitrofe, da decenni, è assai critica e gli interventi di bonifica e riqualificazione sono, ormai, improcrastinabili. Ne sono più che convinti i residenti, così come il Consiglio di Circoscrizione Tiche che, più volte, ha deliberato in tale direzione. Ieri la questione è stata oggetto di discussione proprio in sede di riunione del Consiglio di Circoscrizione, su proposta di Andrea Buccheri, alla presenza del dirigente comunale del settore ambiente, del responsabile del servizio verde pubblico, di tecnici del settore e rappresentanti della Polizia Municipale. Il presidente Ciccullo ha esposto i fatti, rappresentando l’esasperazione dei residenti,ormai stanchi di vivere in queste condizioni di degrado, con le radici dei pini che entrano, persino, sotto il pavimento degli appartamenti e che, hanno deformato gran parte del manto stradale. Ciò che si chiede, come sottolinea Buccheri, è innanzitutto un intervento immediato di messa in sicurezza, prima che arrivi la stagione delle piogge, in modo da evitare ulteriori crolli di rami, come accaduto in passato. I consiglieri chiedono, però, anche che venga programmata la riqualificazione dell’intera area delle vie Giarre, Riposto e Grammichele, “affinchè” – sostengono – “si dia un forte segnale ad un’area fortemente degradata ed abbandonata, per restituire ai residenti la dignità che meritano”. Il sopralluogo effettuato nella zona ha, ovviamente, confermato criticità e preoccupazioni ed i tecnici hanno chiesto qualche giorno di tempo per attivarsi con le ditte  preposte alla pulizia e alla manutenzione del verde pubblico. Insomma, visto che siamo in tema di verde …se sono rose fioriranno! Lo vedremo nelle prossime settimane.

(foto: alcune immagini del degrado ambientale)