Igiene, al quartiere Neapolis è emergenza topi! Urge una derattizzazione massiccia

Oggi vogliamo occuparci di roditori e di topi in particolare. Tralasciando quelli d’appartamento, quelli d’auto e quelli di fogna vogliamo, piuttosto, soffermarci su una nuova famiglia di topi che, a sentire qualche turista, sarebbe di casa nel centro storico: i “topi Unesco”, quelli cioè che sono soliti frequentare le zone di via Cavour e piazza Duomo, il salotto buono di Ortigia, insomma. Si potrebbe addirittura dire che, mentre il centro storico si spopola di abitanti, in controtendenza, i topi lo scelgono come nuova residenza.  Ma non vogliamo assolutamente entrate nei problemi “demografici” o “topografici” di Ortigia, anche perché di topi ce ne sono in quantità in ogni quartiere, Neapolis compreso. Ed è proprio a Neapolis che parecchi residenti si sono rivolti al Consiglio di Circoscrizione per segnalare la presenze indiscreta e non certo gradita di quegli innocenti animaletti che assomigliano tanto ai conigli ma che conigli non sono, i quali circolano liberamente per le strade tanto da aver compromesso la salubrità e l’igiene del quartiere. Ne è scaturita una presa di posizione dei consiglieri Emiliano Bordone e Nicoletta Abela, che hanno inserito all’ordine del giorno della prossima riunione dell’organo consultivo del quale fanno parte, la richiesta di affrontare l’argomento …“topografico”. In particolare, Abela e Bordone chiamano in causa il primo cittadino, Giancarlo Garozzo, “affinchè predisponga al più presto una derattizzazione massiccia ed efficace del territorio, senza più tergiversare”. I due consiglieri di Neapolis, non mancano di fare notare che l’Amministrazione centrale ha il dovere di tutelare l’intero territorio cittadino, comprese periferie e campagne dove i topi proliferano, si riproducono e vanno, poi, a trasferirsi nelle zone centrali. Ovviamente facciamo affidamento sulla sensibilità di Palazzo Vermexio, affinchè l’appello di Bordone e Abela venga raccolto, anche perché se è vero che i topi sono già arrivati in piazza Duomo, c’è il rischio che possano addirittura occupare il Comune e sfrattare l’Amministrazione attiva. A quel punto si potrebbe, paradossalmente, dire che i topi sono riusciti là dove, in quattro anni e mezzo, le opposizioni … hanno fallito!

(foto: repertorio internet e archivio siracusa 2000. A destra, N. Abela e E. Bordone)