Quintiliano, solidarietà del sindacato Anief: scelte sbagliate nella gestione delle risorse

“Nel 2018, nonostante si sprechino parole importanti legate alla tecnologia ancora oggi assistiamo con cadenza mensile a eventi nelle nostre scuole che causano danni agli studenti e agli insegnanti. Ciò è impensabile, assurdo, e vanno posti rimedi efficaci non le solite toppe per “coprire” buche”. Amarezza e rammarico nelle parole di Leonora Coco, segretario provinciale del sindacato Anief, che esprime vicinanza ad insegnanti e famiglie degli studenti del Liceo “Quintiliano”. Anche il giovane sindacato della scuola mette sotto accusa le scelte sbagliate della politica nella gestione delle risorse. “Già si sono persi 700 mila euro” – ricorda Leonora Coco – “in quanto la Regione ha lasciato orfano il Libero Consorzio provinciale, creando di conseguenza un gap incolmabile,cosi come il Miur” – stigmatizza – “per un cavillo, non ha ammesso il Quintiliano ad un finanziamento che avrebbe consentito un ammodernamento dell’edificio con conseguente sicurezza”. Condanna da parte dell’Anief, anche per l’episodio avvenuto all’Istituto Comprensivo “Vittorini” di Avola, che ha visto l’aggressione di un insegnante da parte dei genitori di un alunno. “E’ impossibile” – conclude Coco – “che i professori debbano vivere sotto scacco subendo violenza immotivata, bensì il ruolo esplicato in classe va tutelato e supportato dalle famiglie”.

(foto: il segretario provinciale Anief, L. Coco, con il segretario nazionale Marcello Pacifico)