La mancanza di fondi blocca il servizio Asacom, situazione drammatica per 200 disabili

L’ex Provincia non ha risorse finanziarie, allarga le braccia e per 200 studenti disabili delle scuole superiori del siracusano l’anno scolastico si apre in maniera drammatica. ll servizio Asacom, cioè l’Assistenza all’Autonomia e alla Comunicazione non partirà. Con la cancellazione delle Province, ormai da cinque anni, il servizio accusa  continue sospensioni e pesanti tagli di risorse, ma adesso la situazione sembra essere precipitata perché, come  ha spiegato l’Ente di via Roma, mancano i fondi “sia per il pregresso, sia per poter garantire la copertura del nuovo anno scolastico”. Tutto dipende dalla Legge Finanziaria, con cui la Regione ha avocato a sè i fondi, lasciando la competenza alle ex Province. In comprensibile allarme, quindi, l’ Alleanza delle Cooperative, composta da Agci, Confcooperative e Legacoop Siracusa, che si rivolge al commissario straordinario Carmela Floreno. La richiesta è di porre fine ai pesanti disservizi ai danni delle circa 200 famiglie coinvolte ed alle gravi conseguenze in termini economici ed occupazionali per gli operatori del settore. L’appello dell’Alleanza delle Cooperative è indirizzato anche ai deputati regionali, “affinché” – si legge nel documento – “si battano seriamente, come la politica dovrebbe fare, per individuare subito una soluzione”. I tre presidenti delle associazioni delle cooperative, Spinoso, Rindinella e Occhipinti, puntano l’indice contro il silenzio su una tematica che dovrebbe, invece, essere centrale ed assolutamente prioritaria.

(foto: repertorio internet. A sinistra il commissario straordinario dell’ex Provincia, C. Floreno)