Aeroporti, il Vussia contro la privatizzazione di Comiso e Catania. 20/3 conferenza stampa

“Chiunque pensi di privatizzare il gettito delle tasse d’imbarco, considera i nostri soldi come una riscossione da cedere, come fosse un diritto feudale, e può dimenticarsene. Ci batteremo in tutti i modi per evitare questo scippo di una delle fonti di finanziamento dello sviluppo siciliano”. Lo scrive, in una nota, il Comitato Viaggiatori del Sud Sicilia che, sull’argomento, incontrerà i giornalisti il prossimo 20 marzo, alle ore 10.30, presso la sede del Consorzio Amp Plemmirio, cioè il giorno prima della conferenza stampa della Camera di Commercio del Sud Est Sicilia sulla privatizzazione dell’aeroporto di Catania-Fontanarossa e Comiso

“Ricordiamo a tutti” – prosegue il comitato – “che, ben gestito, un aeroporto ha tassi di profitto del 46%, pari a 37 milioni l’anno, nel caso di Catania e Comiso. La sola provincia (ora libero consorzio) di Siracusa” – sottolinea – “dovrebbe ricevere 4 milioni l’anno, solo di ricavi, la città metropolitana di Catania circa 5,5 milioni, l’Irsap lo stesso, la Camera di Commercio di Catania, Ragusa e Siracusa ben 20 milioni. Di questi mancati incassi” – conclude la nota – “chiederemo conto”.

(foto: archivio siracusa2000)