Era ai domiciliari ma se ne andava in giro con lo scooter e una pistola a salve, arrestato

Andare in giro, nottetempo, a bordo di uno scooter elettrico è qualcosa di assolutamente normale, anche perché si può godere meglio ed in tutta tranquillità la città e, oltretutto, si rispetta l’ambiente; a meno che non ci sia qualche causa ostativa, come ad esempio un provvedimento restrittivo della libertà perché, a quel punto si tratterebbe di evasione dagli arresti domiciliari. Ed è proprio il reato contestato ad un 30enne di Siracusa, disoccupato, che si è fatto beccare dai Carabinieri a passeggio col motorino e, come se non bastasse, con una pistola a salve Bruni calibro 8, senza il prescritto tappo rosso, quindi, esteticamente identica ad una vera arma da fuoco, dentro il bauletto del due ruote. Quali siano state le cause della sua “fuga” notturna lo chiariranno gli inquirenti, intanto sono scattate le manette in attesa del processo col rito della direttissima.

(foto: archivio Carabinieri)