Autonomia, sicilianisti e riformatori sardi insieme contro il regionalismo differenziato

“Mentre tutti saranno occupati a cercare  preferenze, trascurando gli obiettivi,  a Caltagirone, nel 73°anniversario della proclamazione dell’Autonomia speciale,  si parlerà  di politica, quella che sarà di grande attualità nei prossimi mesi e sulla quale la Sicilia e il Mezzogiorno si giocheranno il proprio futuro”. Lo dice Salvatore Grillo, componente del Consiglio nazionale di Siciliani verso la Costituente, tra i relatori del convegno “L’Autonomia Speciale Siciliana e il regionalismo differenziato del Nord”, che si terrà  a Caltagirone. La scelta di ignorare il dibattito elettorale per dedicarsi a temi solo apparentemente provinciali rispetto a quelli europei  vede concordi anche i Riformatori sardi, che prenderanno parte all’incontro in veste ufficiale con Attilio Dedoni, uno dei leader del movimento sardo. “E’ la prima volta” – commenta Salvo Fleres, coordinatore nazionale del movimento sicilianista – “che un evento fortemente connotato di valori e di significati sicilianisti  trova l’adesione di un importante segmento della tradizione autonomista sarda”. L’appuntamento  è per sabato 18 Maggio, alle ore 9.30. Al convegno saranno presenti i vertici di Diventerà Bellissima, con l’assessore regionale alla salute, Ruggero Razza, ed il presidente della Regione, Nello Musumeci.

(foto: il coordinatore nazionale di Siciliani verso la Costituente, S. Fleres)