Pescavano abusivamente ricci di mare a Calabernardo, sanzionati dalla Guardia Costiera

Mille euro di multa per due uomini sorpresi dal personale della Guardia Costiera a praticare pesca subacquea a Calabernardo, nel territorio di Noto. I due pescatori abusivi aveva già riposto nell’autovettura un consistente quantitativo di ricci di mare e stavano per allontanarsi, quando si sono presentati i militari che hanno intimato loro di fermarsi. Oltre alla sanzione amministrativa, ai due sub è stata sequestrata l’attrezzatura ( bombole ed erogatori ), mentre i circa 3000 esemplari di ricci appena pescati, sono stati presi in consegna dalla Guardia Costiera, che ha provveduto a rigettarli in mare nello specchio d’acqua all’interno dell’Area Marina Protetta “Plemmirio”. Con l’occasione, la Capitaneria di Porto di Siracusa ricorda che pesca, detenzione, trasporto e commercializzazione del riccio di mare, nei mesi di maggio e giugno sono vietate, così come è vietata la pesca subacquea nelle ore notturne e non è consentito l’uso di autorespiratore.

(foto: i ricci di mare e l’attrezzatura da pesca)