Festa di San Sebastiano, compatrono di Siracusa. Venerdì l’apertura della Nicchia

Quella che si apre oggi è una settimana importante per la chiesa siracusana, che si preparano a festeggiare il compatrono della città san Sebastiano. Si tratta dell’ultimo atto del ciclo di feste religiose che Siracusa vive tra novembre e gennaio, che prende il via con la processione dell’Atturnia e la “Svelata”, il 29 novembre, prosegue con l’Immacolata, poi Santa Lucia e, infine, San Sebastiano, al quale i fedeli si accingono a rendere omaggio. Il programma dei festeggiamenti in onore del compatrono, organizzati anche quest’anno dal Comitato San Sebastiano, si aprirà ufficialmente venerdì 17 gennaio.

l’apertura della Nicchia a cura del Comitato San Sebastiano

Alle ore 17 è prevista la cerimonia di apertura della Nicchia, all’interno della chiesa di Santa Lucia alla Badia, in piazza Duomo poi, alle ore 19, la Traslazione del simulacro di San Sebastiano sull’Altare Maggiore. La settimana dell’Ottavario sarà ricca di appuntamenti non solo religiosi, come il concerto di musica sacra, a cura degli studenti della sezione Musicale del Liceo “Tommaso Gargallo”, che avrà luogo domenica 19 gennaio alle ore 20,  la mostra “San Sebastiano: i segni della devozione a Siracusa”, curata da Michele Romano e Dario Bottaro, ed il “Tableau Vivant” di Toni Mazzarella.

il presidente del Comitato San Sebastiano, Gaetano Romano, con il campanellaio, Eleonora Bramante

Il clou della festa, lunedì 20 gennaio, con la solenne celebrazione eucaristica, alle ore 10.30, presieduta dall’arcivescovo di Siracusa, mons. Salvatore Pappalardo. Come da tradizione, la liturgia vedrà la partecipazione del Corpo della Polizia Municipale, che ha in San Sebastiano il suo santo protettore, e delle autorità civili cittadine. La settimana di festeggiamenti si concluderà domenica 26 gennaio, con la processione del simulacro, che prenderà il via alle ore 17. Il campanellaio di quest’anno sarà Eleonora Bramante. Al ritorno in piazza Duomo, intorno alle ore 20, prima dell’ingresso in chiesa, avrà luogo l’asta dei doni offerti a San Sebastiano. Lo spettacolo pirotecnico, come sempre sarà affidato alla ditta belpassese, Chiarenza, la stessa che cura i “fuochi” per le feste di Santa Lucia.

(fotocopertina: archivio siracusa2000)