Diario della pandemia. Si mantiene sotto quota 500 il numero dei nuovi contagi in Sicilia

Scende sotto quota venti il numero delle vittime del Covid in Sicilia che, nelel ultime 24 ore, sono state 18, anche se c’è una leggera risalita dei contagi, ma è roba di poche decine e, comunque, il dato è stabile al di sotto del mezzo migliaio: 478.

Stabile il numero dei ricoverati con un -1 in terapia intensiva, e anche questo è un dato incoraggiante.

Si fa, invece, delicata, la questione relativa alle varianti perché è stato confermato il caso del marittimo di Mazara del Vallo, risultato positivo alla variante sudafricana.

L’uomo, che era rientrato dopo due mesi di lavoro in Africa,  si trova in isolamento insieme alla moglie. C’è, poi, il focolaio di variante inglese ad Enna, dove sono state chiuse tutte le scuole.

La situazione è sotto costante monitoraggio in tutta la Sicilia ma è, indispensabile, la collaborazione di tutti i cittadini, affinchè il virus rimanga isolato e l’unico modo per ottenere questo risultato è rispettare le tre regole basilari: usare la mascherina protettiva, mantenere il distanziamento interpersonale e lavare con frequenza le mani.

Tornando ai nuovi contagi, il primato resta ancora a Palermo con 183 nuovi casi, seguita da Catania (122) e Messina (58).

In quarta posizione c’è Siracusa con 48 contagi, poi Ragusa (26), quindi Caltanissetta e Trapani, rispettivamente con 17 e 15 nuovi positivi, in coda, ad una cifra Enna (7) ed Agrigento (2).

Intanto l’Istituto Superiore di sanità lancia l’allarme per i contagi tra gli under 20. Nei primi due mesi dell’anno, l’incidenza è stata intorno ai 150 casi ogni 100 mila abitanti.

(foto: archivio siracusa2000)

© Riproduzione riservata