Sanità privata: mancato rinnovo contrattuale, lunedì sit-in davanti alle Prefetture di tutta Italia

La mancata sottoscrizione dell’intesa da parte di AIOP ed ARIS, nonostante un pre-accordo raggiunto due mesi fa, per il rinnovo del contratto nazionale, ha fatto scattare la mobilitazione dei lavoratori della sanità privata.

Si tratta, infatti, di un atto particolarmente atteso che, però, dopo il cambio dei vertici di AIOP (Associazione Italiana dell’Ospedalità Privata) ed ARIS (Associazione Religiosa degli Istituti Socio sanitari), è rimasto al palo da 14 anni. 

I lavoratori rivendicano i propri diritti e, con le segreterie provinciali della Funzione Pubblica di Cgil, Cisl e Uil, hanno indetto per lunedì 24 agosto, un sit-in davanti alla Prefettura di Siracusa.

Lo stato di agitazione, come precisano i segretari delle tre sigle sindacali, Franco Nardi, Daniele Passanisi e Alda Altamore, è stato proclamato a livello nazionale, “con conseguente sospensione di ogni forma di lavoro supplementare e/o straordinario di tutto il personale delle strutture associate ad ARIS e AIOP”.

Più di 100 mila in tutta Italia, i lavoratori della sanità privata accreditata che, vista l’assenza di risposte dopo la manifestazione dello scorso 5 agosto,  a Montecitorio, torneranno in piazza lunedì 24.

Per lunedì 31 agosto sono programmate, invece, assemblee davanti alle sede AIOP e ARIS.

(foto: repertorio internet)