Ragusa. Il punto sui buoni spesa erogati dal Comune per fare fronte alla crisi dovuta al Covid

Con i 155 mila euro che Palazzo dell’Aquila ha aggiunto ai 538.631 del Decreto Ristori, ammonta complessivamente a 684.635 il totale dei buoni spesa erogati dall’Amministrazione comunale di Ragusa per fronteggiare la crisi economica dovuta alla pandemia.

“Ragusa” – dichiara il sindaco Peppe Cassì – ha fatto così in modo che nessuno restasse indietro, soddisfacendo il fabbisogno alimentare di chi ha pagato più duramente gli effetti della crisi”.

Nel dettaglio, sono state  2241 le pratiche accolte, di cui 2062 ammesse con priorità alla luce di necessità urgenti.

214 le richieste di buono spesa che sono state respinte per mancanza dei requisiti di legge.

“Abbiamo inoltre tenuto conto” – aggiunge il sindaco di Ragusa – “delle difficoltà che la crisi genera nei più piccoli, assegnando un ulteriore bonus alle famiglie con minori”.

Per quanto concerne i buoni spesa commerciali, fino ad oggi ne sono stati erogati 1345 per un importo di 114.810 euro.

 “Anche in questo caso” – chiosa Peppe Cassì – “una somma supplementare è stata assegnata ai nuclei familiari con minori”.

(foto: il sindaco di Ragusa, P. Cassì. A destra il Municipio)

© Riproduzione riservata