Lavoratori Asu. Si chiude la lunga storia di precariato durata 24 anni. Ok alla stabilizzazione

Il Sinalp Sicilia esprime soddisfazione per il via libera dell’Ars all’art. 46 delle Legge di Stabilità che scrive, finalmente, la parola fine alla lunga storia di precariato dei lavoratori Asu siciliani.

“4.571 lavoratori” – precisa la nota – “hanno ottenuto il diritto al lavoro, alla dignità ed il riconoscimento di tutte quelle tutele che fanno parte integrante ed imprescindibile di ogni rapporto di lavoro”.

La norma approvata a Sala d’Ercole prevede la fuoriuscita volontaria dal bacino e l’accompagnamento alla pensione per una buona fetta degli Asu che, in tal mondo, renderanno disponibili ulteriori risorse da destinare ai processi di stabilizzazione.

“Oggi grazie alla Giunta di Governo presieduta dall’On. Musumeci” – commenta Andrea Monteleone, segretario regionale del Sinalp – “si volterà pagina e si darà finalmente vita ad un nuovo futuro lavorativo per 4.571 lavoratori impegnati nei nostri enti locali mettendo all’angolo tutti coloro i quali hanno remato contro questo diritto di civiltà”.

Per l’on. Danilo Lo Giudice, “dopo 25 anni di ‘lavoro nero’ si avvia si chiude una delle pagine più buie del precariato siciliano. Questo percorso di stabilizzazione” – ricorda–  “è iniziato 2 anni fa con una mia proposta che ha messo fine alla ‘schiavitù’ del rapporto con le cooperative.

Al di là dei meriti e del “grazie al mio impegno”, comunque, sarebbe, adesso, il caso che tutti, ciascuno per il proprio ruolo, si impegnassero affinchè il processo di stabilizzazione possa essere avviato in tempi celeri.

(foto: una manifestazione dei precari Asu. A destra il segretario del Sinalp Sicilia, A. Monteleone)

© Riproduzione riservata