Campionato nazionale di volo parapendio. Tra maltempo e rinvii ecco tutte le classifiche

 Il meteo non è stato certo un buon alleato per il Campionato nazionale di volo parapendio, con il maltempo che ha costretto gli organizzatori a differire di un paio di giorni, la prova di esordio.

Per garantire la sicurezza dei concorrenti, è saltato il decollo ufficiale sulle pendici del Monte Caio, a Tizzano val Parma, a quota 1584, per ripiegare sui 750 metri di quota del monte Ciumè, sopra Langhirano.

Tre le manches, rispetto alle sette previste, per lo più ridotte a percorsi minimi rispetto alle potenzialità di mezzi e piloti, rispettivamente 43, 66 e 30 km. Fallita anche la prospettiva di un quarto volo, programmato per l’ultimo giorno, e non è stato possibile omologare il campionato e assegnare il titolo, come previsto dalle norme FAI.

Assegnati, invece, i premi per il Trofeo 100 Laghi, che ha visto la vittoria di un pilota di casa, il giovane Michele Boschi, in odore di maglia azzurra, la nazionale italiana di parapendio campione del mondo in carica. Seconda posizione per il veneto Loris Berta, mentre al polacco Michal Gierlach è rimasto l’onore della terza piazza.

Per le donne, sul gradino più alto del podio è salita la francese Sandra Antony, davanti alla milanese Silvia Buzzi Ferraris, pluricampionessa della nazionale, e all’ungherese Katalin Juhasz.

Nella classe “sport”, cioè piloti che volano con parapendio meno performanti, primo posto per l’italiano Ionut Ulici, che si è piazzato davanti al polacco Grzegorz Fiema ed a Giulio Testolin di Thiene (Vicenza).

Nella classe “serial”, infine, si è imposto il parmigiano Andrea Terenziani, seconda classificata Sandra Antony e terzo Tommaso Carlini di Roma.

La manifestazione è stata organizzata dall’Aero Club Gaspare Bolla di Parma insieme al Paraclub Monte Caio – Deltaclub Melloni, con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, della Provincia di Parma, dell’Associazione Pro Schia-Monte Caio, dell’Ente Parchi del Ducato e dell’Unione Montana Appennino Parma Est.

(foto: il podio italiano)

© Riproduzione riservata