Pandemia. I numeri del monitoraggio settimanale indipendente della Fondazione GIMBE

La quarta ondata della pandemia è ormai certezza e, per la quinta settimana consecutiva, come conferma il monitoraggio indipendente della Fondazione GIMBE, i numeri sono tutti in salita.

Nella settimana 17-23 novembre 2021 si registrano, infatti, 69.060 contagi, quasi 15 mila in più rispetto alla settimana precedente; aumentano anche i ricoveri con sintomi (4.597 rispetto ai 3.970) e le terapie intensive, che sono 560 (prima erano 481). Salgono, purtroppo, anche le vittime: la settimana 17-23 novembre ne fa registrare  437 (di cui 25 riferiti a periodi precedenti), con una media di 62 al giorno rispetto ai 57 della settimana precedente.

Cresce la pressione sugli ospedali, con un incremento del 15,8% dei posti occupati in area medica e un +16,4% nelle terapie intensive.

A livello nazionale, alla data del 23 novembre, il tasso di occupazione è dell’8% in area medica e del 6% in area critica, con differenze notevoli tra una regione e l’altra.

“Gli ingressi giornalieri in terapia intensiva” – spiega il direttore operativo della Fondazione GIMBE, Marco Mosti – “continuano ad aumentare: la media mobile a 7 giorni è passata da 38 ingressi/die della settimana precedente a 48”.

Sul fronte delle vaccinazioni, resta stabile a 127 mila, il numero delle prime dosi somministrate nell’arco dell’ultima settimana.

Intanto, il Cdm ha varato, con voto unanime, il nuovo decreto legge che introduce il “super green pass”. Dal 6 dicembre al 15 gennaio, nuove e pesanti restrizioni per i non vaccinati che, in estrema sintesi, con il tampone potranno solo recarsi al posto di lavoro e resteranno esclusi da ogni altro contesto della vita sociale.

© Riproduzione riservata