(VIDEO) E’ calato il sipario sulla Festa di Santa Lucia, prossimo appuntamento a maggio

Emozionante come sempre, ma in questi ultimi due anni, ancor più, vista la situazione che tutti stiamo vivendo, il rito della chiusura della Nicchia, che, accompagnato dal tradizionale grido “sarausana jè”, ha segnato la fine anche di questa Festa di Santa Lucia 2021.

L’ultima giornata dell’Ottavario, che com’è noto è stato vissuto tra Ortigia e Borgata, i due centri storici della città, ha visto il ritorno delle Reliquie in Cattedrale. Un ritorno del tutto particolare, che ha avuto protagonisti i Vigili del Fuoco di Siracusa, legati da profonda e storica devozione a Santa Lucia.

Questa mattina, in Santuario, l’omaggio alla Santa Patrona da parte del personale del Comando provinciale, al termine della Santa Messa Solenne, che è stata presieduta dal vicario generale dell’Arcidiocesi, mons. Sebastiano Amenta, e concelebrata dall’arcivescovo emerito, mons. Giuseppe Costanzo.

Nel pomeriggio, una delegazione ha preso in consegna le Reliquie e, a bordo di un mezzo dei Vigili del Fuoco, scortato da Polizia di Stato, Carabinieri e Polizia Municipale, le ha condotte in corteo lungo un percorso che ha toccato la sede del Corpo, in via Von Platen, il Santuario della Madonna delle Lacrime, l’Ospedale “Umberto I” ed il Comando dei Vigili Urbani di via Molo, per raggiungere, infine, la Cattedrale in piazza Duomo.

Accolte festosamente dalla Banda Musicale “Città di Siracusa”, le Reliquie si sono, così, ricongiunte con il Simulacro, rimasto esposto per tutto l’Ottavario nell’abside e, alle ore 18, l’ultimo momento di preghiera.

A presiedere la celebrazione eucaristica l’arcivescovo Lomanto, poi, il rientro nella Nicchia e l’arrivederci alla festa del Patrocinio della prima domenica di maggio. Il simulacro sarà, nuovamente, esposto, il prossimo 28 dicembre, in occasione dell’anniversario del terremoto di Messina del 1908.

(foto: mons. G. Costanzo con i Vigili del Fuoco del Comando provinciale)

© Riproduzione riservata