Scuola. Appello dei presidi al governo: meglio due settimane di DAD che un rientro ingestibile

1500 dirigenti scolastici di altrettanti istituti d’istruzione di tutta Italia hanno firmato una appello, indirizzato al presidente del Consiglio dei ministri, Draghi, ed al ministro dell’Istruzione, Bianchi, con il quale hanno chiesto la sospensione provvisoria delle lezioni in presenza per un periodo di due settimane.

Secondo i presidi, la didattica a distanza è da preferire ad un ritorno in classe che potrebbe risultare ingestibile, per questo auspicano che venga concesso a tutti il tempo di vaccinarsi e, quindi, ricorrere alla DAD almeno per tutto gennaio.

(foto: repertorio internet)

© Riproduzione riservata