Un migrante nudo in pieno centro abitato a Cassibile, esplode l’indignazione dei residenti

Ma bisogna proprio starsene zitti e tollerare, persino, un uomo che alle 10 del mattino, se ne va in giro completamente nudo, per la strada principale del quartiere, per non rischiare di essere accusati di razzismo? Crediamo che la risposta sia assolutamente “no” perché Cassibile, in tanti anni, ha dato, invece, prova di accoglienza ed integrazione nei confronti dei tanti migranti che popolano la baraccopoli, oggi più che mai al centro delle polemiche.

Quando, però, ci si imbatte in scene come quella a cui, stamattina, hanno avuto la sventura di assistere donne e bambini in via Nazionale, crediamo che l’integrazione e l’accoglienza c’entrino ben poco e che il problema sia di tutt’altra natura.

Le immagini dell’ospite della baraccopoli in costume adamitico, in pieno giorno e in pieno centro, a Cassibile, hanno fatto il giro del mondo, così come hanno fatto il giro del mondo le immagini dei cassibilesi che, istintivamente e a ragione, si sono recati in massa nel residence dei migranti, per manifestare tutta la loro indignazione.

L’ennesimo segnale di una situazione delicatissima, che le istituzioni non riescono ad affrontare in maniera radicale e che dimostra il bassissimo livello di attenzione riservato alla gente che vive nel quartiere.

Il migrante protagonista della “passerella nature” è stato, poi, prelevato dai Carabinieri e condotto in caserma, ma oggi c’è stata, certamente, la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

I cassibilesi non ne possono più di questi episodi che offendono la cultura, l’educazione, il senso civico di chi, nonostante tutto, si sforza di comprendere il disagio degli ospiti di quella baraccopoli. Un paio di giorni fa, un altro episodio di violenza, che ha visto una commerciante minacciata con un coltello da due extracomunitari, poi, fermati ed espulsi.

Gli animi sono caldissimi, insomma, e nel nome della sicurezza collettiva, è opportuno che le Istituzioni facciano sentire massicciamente la loro presenza sul territorio, anche perché il bla bla bla mediatico su questa benedetta baraccopoli, al quale assistiamo da mesi, non ha prodotto alcun risultato. E l’episodio increscioso di oggi, ne è la prova!

(foto: alcune immagini da Facebook)