Ragusa. Iniziati i festeggiamenti in onore di San Francesco. Spiritualità, cultura e solidarietà

Con la traslazione del simulacro dall’altare al presbiterio,  hanno preso il via, ieri a Ragusa, i festeggiamenti in onore di San Francesco d’Assisi, che culmineranno domenica 4 ottobre, con la Celebrazione Eucaristica presieduta dal vescovo di Ragusa, mons. Carmelo Cuttitta.

“Un programma ben articolato a livello spirituale, come anticipa il parroco, don Nicola Iudica – “che vivrà anche momenti di carattere storico-culturale, come l’apertura del piccolo museo alle spalle dell’altare, dove c’era l’antica cereria”.

 I festeggiamenti in onor del “poverello di Assisi” non potevano, ovviamente, non comprendere iniziative di carattere sociale, come “l’artigianato della solidarietà”, per raccogliere fondi da  devolvere alle famiglie più bisognose, il cui numero,  con la crisi economica, dovuta alla pandemia, purtroppo sta lievitando sempre di più.

La chiesa di San Francesco d’Assisi, a Ragusa, rimarrà aperta ai fedeli, nel rispetto delle misure anti Covid,  per  la catechesi, per i vari momenti di riflessione e per le liturgie, che vedranno la presenza del neo sacerdote Don Vincenzo Guastella e di altri parroci della città e della Diocesi.

Confermato l’appuntamento tradizionale con la benedizione degli animali. La Santa Messa Vespertina in onore di San Francesco sarà celebrata alle ore 18.30 e sarà trasmessa in diretta sulla pagina Facebook della parrocchia.

(foto: La santa Messa celebrata da don Nicola Iudica – immagini gentilmente concesse da Salvo Bracchitta)