Tennistavolo. Vigaro SR ko in B1 ma vittorioso in B2 e C1. In B1 il Città di SR vince a Palermo

Passo falso della VI.GA.RO. Siracusa in B1 maschile: dopo quasi cinque ore di dura lotta, la squadra del Presidente Giuseppe Gamuzza viene sconfitta in casa per 5-4 dal T.T. Salento Lecce Cooburn. Sempre nel campionato di B1, impresa del Città di Siracusa che a Palermo si impone per 5-3 sulla capolista Mazzola.

Per la VI.GA.RO. si è trattato di un’occasione sprecata perché la squadra siracusana è stata ad un passo dalla vittoria. Dopo i primi due incontri archiviati con una certa tranquillità dagli ospiti, è il solito caparbio Salvo Ganci ad accorciare le distanze grazie al successo per 3-0 (11-7/12-10/11-8) su Alan Buccolieri. Il T.T. Salento allunga con l’ungherese Imre Buss, che supera in cinque parziali molto sofferti Fabio Amenta che conduceva per 2-1.

I successi di Ganci su Manuel D’Amico e di un convinto Francesco Mollica su Buccolieri, riportano in parità le sorti dell’incontro. La partita fra i due numeri uno, da una parte Ganci e dall’altra Buss si è rivelata, come si prevedeva, altamente spettacolare. Ha la meglio l’atleta del T.T. Salento in cinque set. Il 4-4 viene siglato dal bravo Amenta che per 11-5/11-2/11-9 regola Buccolieri. E’ D’Amico su Mollica a regalare in tre parziali la vittoria alla sua squadra ed a lasciare l’amaro in bocca alla VI.GA.RO.


   La formazione del Città di Siracusa di B1. Da sinistra Pavel Tsolov, Manuel Moncada, Qudus Ghazal, Marcello Arcigli                        

L’indiscusso protagonista del successo del Città di Siracusa è stato Manuel Moncada che sia con Patrizio Mazzola che con Simone Sofia (antagonisti ostici da superare), dopo essersi trovato in svantaggio, è riuscito a rimontare ed a vincere con entrambi in cinque set. La partita con Sofia è stata davvero entusiasmante con top e contro top che hanno tenuto con il fiato sospeso i presenti. Più facile in tre set per 11-6/11-4/11-3, il successo di Moncada su Giorgio Volpe.

Oltre ai tre punti del portacolori della squadra del Presidente Salvo Aliotta c’è stata la doppietta del bulgaro Pavel Tsolov su Volpe e, poi, il quinto e decisivo punto, in cinque parziali, su Mazzola che ha archiviato la gara. Grazie a questo successo il Città di Siracusa recupera pienamente la penalizzazione dei tre punti e con un punto all’attivo è a ridosso della Pol. Galaxy che la precede di appena una lunghezza.

In B2 grande boccata d’ossigeno per la VI.GA.RO. Siracusa che nella gara interna contro lo Sportenjoy Palermo, diretta concorrente nella lotta per la salvezza, riesce ad imporsi per 5-3.

E’ stata davvero superlativa la prova di Marco Bordonaro, bravo a superare in tre set Antonino la Torre e Carmelo Noto; non ha mancato di dare il suo prezioso apporto alla squadra Steven Barberi, vincitore su Noto in quattro set e su Luciano Curatolo in tre parziali. Il quinto punto porta la firma di Angelo Bianca, che ha saputo mantenere la giusta concentrazione e, in tre parziali, ha regolato Noto.

In C1 continua inarrestabile la marcia della VI.GA.RO. Siracusa che, in casa, coglie la quarta vittoria consecutiva consolidando il primato in classifica: a farne le spese l’Ausonia Iblea, sconfitta per 5-1.

Due punti ciascuno per Francesco Lo Passo e Francesco Vitaliti, ancora imbattuto in campionato, a cui bisogna aggiungere l’incontro vinto da Lalio Ivanov.

Si sta facendo preoccupante la posizione della Robur Noto “Corrado Iacono”, che contro l’Himera G. Randazzo Cascino ha perso 5-1. L’unico punto è stato siglato, all’inizio dell’incontro, da Vincenzo Alessi su Claudio Casa’.

Poi sono venuti fuori alla grande i giovani e validi atleti della squadra del Presidente Antonino Militello e per la squadra netina è calato buio fitto. Il prossimo turno di campionato è previsto per il 4 e 5 dicembre con la quinta giornata di andata, perché il programma prevede una serie di tornei individuali. (Mario Lo Presti)

(fotocopertina: la Vi.Ga.Ro. di C1. Da sinistra Giuseppe Gamuzza, Francesco Lo Passo, Francesco Vitaliti, Adolfo Reale, Lalio Ivanov )      

                 © Riproduzione riservata