Agenzie fiscali, deficit di organico e politica assente, lavoratori in sciopero il 23 gennaio

La Sicilia degli scioperi, in questo inizio dell’anno 2020 non risparma nemmeno i lavoratori delle Agenzie fiscali che, il 23 gennaio, incroceranno le braccia e si riuniranno in assemblea di due ore, con le sigle sindacali Fp Cgil, Cisl Fp, UilPa, Confsal Unsa e Flp. Tra i motivi del malcontento, come spiega Alfonso Farruggia, segretario generale regionale della UilPa, le carenze organizzative dell’Agenzia delle Entrare e dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli, “che si riflettono pesantemente sulla quotidianità del personale, sottoposto a carichi di lavoro sproporzionati e mai concertati con le stesse sigle che rappresentano i dipendenti”.  Circa 3 mila il deficit di organico nella sola Agenzia delle Dogane e Monopoli e i sindacati puntano l’indice contro il governo nazionale. “Aveva promesso soluzioni ai problemi posti dai sindacati con il Decreto fiscale e la successiva Legge di Bilancio” – dichiara Farruggia – “ma così non è stato: il 10 dicembre scorso avrebbe dovuto tenersi un incontro, poi cancellato, con il viceministro dell’Economia e delle Finanze Antonio Misiani, e ad oggi” – conclude – “nulla è cambiato”.

(foto: il segretario generale regionale della UilPa, A. Farruggia. Riquadro, repertorio internet)