Al Festival di Sanremo è nata una stella. Secondo posto per Tecla tra le “Nuove Proposte”

Scoperta e lanciata da Gianna Martorella, imitatrice e attrice, protagonista del varietà televisivo anni ’90, confermata da  “Sanremo Young” e, adesso, consacrata dal 70.mo Festival della Canzone Italiana di Sanremo. La sedicenne Tecla Insolia è, indiscutibilmente, la nuova star della musica italiana. Dopo aver vinto il Premio “Jannacci”, dedicato al miglior interprete della categoria “Nuove Proposte”, con il brano “8 Marzo”, ed il Premio “Lucio Dalla”, assegnato dalla Sala Stampa (radio,tv,web), questa sera sul palco del Teatro Ariston  ha superato dapprima la semifinale, battendo Marco Sentieri con il 55,5% dei voti delle tre giurie (demoscopica, sala stampa e televoto),  conquistando il secondo posto assoluto, alle spalle di Leo Gassman. Tecla, comunque, il suo Festival lo ha già vinto perché, con i suoi sedici anni, è la più giovane cantante in gara e la sua canzone “8 Marzo” , da più di un mese è tra le più trasmesse dalle radio nazionali e locali e tra le più scaricate nelle piattaforme digitali. Il testo, firmato da Piero Romitelli, Rory Di Benedetto, Emilio Munda, Rosario Canale e Marco Vito, è dedicato alle donne e vuol essere un messaggio di speranza, forza e coraggio, un invito a reagire e a superare ogni ostacolo. Primogenita di Vincenzo e Maria, originari rispettivamente di Floridia e Solarino, Tecla Insolia è nata a Varese il 13 gennaio 2004 e si è, poi, trasferita con papà e mamma ed i fratelli Gioele e Santiago a Piombino sulla riviera toscana, dove vive e studia. Il 13 agosto 2019 ha ricevuto la cittadinanza onoraria di Solarino, da parte del sindaco Sebastiano Scorpo e di tutta l’Amministrazione comunale.   Tecla Insolia sarà ancora in televisione su RaiUno, stavolta in veste di attrice, a partire dal 23 febbraio. Interpreterà, infatti, il ruolo di Ilaria, nella fiction “Vite in fuga”. Si tratta di un family-thriller,  dove Tecla è la figlia di un bancario (Claudio Gioè), coinvolto in uno scandalo finanziario che ha causato il suicidio di alcuni clienti dell’istituto di credito.  Il padre di Ilaria (Tecla Insolia) sarà accusato dell’omicidio di un collega, e da lì, cominceranno le disavventure della famiglia. La fiction , in sei puntate, è stata girata tra Roma e Ortisei. Per il momento, però, godiamoci il grande successo riscosso al Festival di Sanremo e un grazie a Tecla Insolia, per aver portato un po’ di Siracusa agli onori del Tempio della Canzone Italiana nella città dei fiori.

(foto: l’esibizione di Tecla Insolia sul palco del Teatro Ariston)