Operai ex Siram, una unità in più nella nuova ditta. Il Consorzio CAEC ne assorbirà sette

Il Consorzio CAEC, che si è aggiudicato l’appalto per la gestione del servizio manutenzione ordinaria anche in regime di pronto intervento per conto del Comune di Siracusa, assorbirà sette operai (due elettricisti e cinque polivalenti) e non più sei, della Siram, l’impresa che ha gestito il servizio e non ha partecipato alla gara. E’ stato deciso ieri, nel corso del nuovo incontro che si è svolto presso l’Ispettorato del Lavoro, alla presenza dell’assessore Maura Fontana, del dirigente Marcello Costa e del funzionario Pietro Fazio, in rappresentanza dell’Amministrazione Comunale, dei sindacati e dei rappresentanti dell’impresa. Il problema si era posto perché nel contratto dei metalmeccanici, applicato ai lavoratori, la clausola sociale, che avrebbe assicurato il passaggio automatico di tutto il personale da una ditta all’altra, è subordinata alle valutazioni dell’impresa vincitrice della gara. “Il nuovo appalto” – spiega l’assessore Maura Fontana – tenendo conto delle esigenze di contenimento dei costi, era stato pensato per l’impiego di 10 operai che salgono a 11 con l’unità aggiuntiva annunciata ieri. La Siram” – prosegue – “utilizzava in tutto 13 operai, quindi due in più rispetto all’attuale servizio, ma la forbice si allarga perché il CAEC utilizzerà 4 unità interne. L’Amministrazione non chiude ad altre soluzioni che possano andare incontro alle richieste dei lavoratori ma” –  conclude l’assessore Maura Fontana – “devono essere praticabili sia dal punto di vista normativo che da quello della sostenibilità economica”. Mercoledì 12 febbraio è previsto un nuovo incontro tra le parti.

(foto: l’assessore M. Fontana)