Coronavirus, altra sfilza di denunciati per violazione ai divieti del DPCM. #iorestoacasa

Devo fare camminare la macchina, perché è ferma da parecchi giorni … Stavamo andando al centro commerciale a fare qualche acquisto … Siamo andati  a raccogliere asparagi. Ma siamo, davvero, così irresponsabili da infischiarcene dei divieti e non capire che ci stiamo giocando quel dono prezioso che si chiama vita? Come si possono fare, ancora, orecchie da mercante, andarsene in giro per le strade, poi, appena ci bloccano i Carabinieri, ci inventiamo le scuse più stupide, per giustificarci!? E così, il 23 marzo, con oltre 5 mila morti in Italia, 13 in Sicilia e con il picco del contagio da Coronavirus atteso per i prossimi giorni … c’è ancora gente che si fa denunciare per violazione all’art. 650 del Codice Penale quando, invece, il buon senso di ciascuno di noi, dovrebbe farci capire che se ci impongono di restare a casa non è perché c’è … un po’ di vento o un temporale! Anche oggi, insomma, la solita lista dei denunciati che ci fornisce il Comando provinciale dei Carabinieri, con tutti i casi di reato che abbracciano l’intero territorio della provincia di Siracusa, da Francofonte a Pachino, passando per il capoluogo, Floridia, Augusta, Palazzolo e Rosolini.

(foto: archivio Carabinieri)