Coronavirus, parte la raccolta fondi per la Caritas. “Aiutiamo chi aiuta le persone in difficoltà”

Aiutiamo chi aiuta le persone in difficoltà. Con questo slogan è partita a Siracusa una raccolta fondi a sostegno della Caritas Diocesana che, in questi giorni,  si sta facendo in quattro per riuscire a dare sostegno, soprattutto il pranzo, a quanti sono in serie difficoltà. Il messaggio sta girando su WhatsApp ed ha raggiunto già tantissime adesioni. Tra coloro che, con il loro contributo, stanno sostenendo l’iniziativa, l’ex assessore regionale alla Formazione, Bruno Marziano, l’ing. Roberto De Benedictis, ex deputato regionale, il prof. Salvo Adorno, docente all’Università di Catania, il sindaco di Ferla e Capo di Gabinetto del sindaco di Siracusa, Michelangelo Giansiracusa. Per quanti volessero contribuire alla causa, Iban intestato a Caritas Diocesana di Siracusa IT96N0306909606100000017300, specificando nella causale ”Emergenza Coronavirus”.

Intanto sono oltre 20 le tonnellate di alimenti che il Comune di Siracusa, attraverso Caritas Diocesana e Protezione civile ha distribuito da quando è stato attivato il servizio, 18 giorni fa. Complessivamente sono state soddisfatte 1.850 richieste da parte di famiglie in difficoltà. “Un risultato straordinario” – commenta il sindaco, Francesco Italia – “che dimostra l’efficacia e la validità della collaborazione con la Caritas Diocesana nel fornire un aiuto prezioso un’ampia area di disagio sociale ulteriormente allargata a causa delle inevitabili misure adottate per fermare l’epidemia”.

(foto: don Marco Tarascio, direttore della Caritas Diocesana)