Appiccò il fuoco a due automobili a Pachino, misura di sicurezza per un giovane piromane

E’ stato individuato il responsabile dell’incendio di due automobili, avvenuto la notte tra il 26 ed il 27 aprile a Pachino e che aveva fatto pensare ad una recrudescenza della criminalità. Le indagini, condotte dai Carabinieri, dirette dal sostituto Procuratore Gaetano Bono e coordinate dal Procuratore aggiunto della Repubblica, Fabio Scavone, hanno, però, confermato che tra le due vittime non vi era alcuna relazione e che, quindi, bisognava seguire altre piste. A dare un prezioso contributo agli investigatori sono state le immagini registrate dagli impianti di videosorveglianza, che hanno ripreso tutto il percorso effettuato dal piromane. Gli elementi raccolti hanno portato all’identificazione di un giovane del posto, con precedenti penali e di tossicodipendenza, nei cui confronti è stata eseguita una misura di sicurezza provvisoria. Il giovane si trova, adesso, ricoverato nel reparto di psichiatria dell’ospedale di Avola, in attesa del trasferimento presso una casa di cura e custodia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

(foto: il giovane ripreso dalle telecamere di videosorveglianza, vicino alle due automobili)