Tassa di soggiorno, “Siracusa Protagonista”: il Comune non mantiene gli impegni assunti

Nonostante l’impegno assunto con i gestori delle strutture ricettive, per agevolarli nella ripartenza economica dopo la fase più critica dell’emergenza sanitaria, il Comune di Siracusa, tra pochi in Italia, avrebbe reintrodotto la tassa di soggiorno.

Un comportamento che “Siracusa Protagonista” definisce “instabile e poco serio”, accusando l’Amministrazione comunale di non essere in grado di “comprendere i problemi dei cittadini e non comprende che, in questo caso” – sottolinea – “il settore alberghiero-turistico è al collasso.

“Noi prendiamo atto che, ancora una volta” – concludono Vincenzo Vinciullo, Vincenzo Salerno e Salvatore Castagnino – “l’Amministrazione Comunale di Siracusa si pente di ciò che afferma e non mantiene gli impegni assunti”

(foto: archivio siracusa2000. Riquadro, da sinistra V. Salerno, V. Vinciullo, S. Castagnino)