Precari Asu. No al taglio dei fondi per la stabilizzazione. Ternullo: si apra tavolo con Roma

Rispetto per gli oltre 4500 precari Asu siciliani che, da 25 anni, portano avanti le pubbliche amministrazioni e per i quali “il taglio dei fondi destinati alla stabilizzazione e, in modo consequenziale, alla mancata integrazione del loro monte ore settimanale sarebbe una catastrofe”.

A prendere le difese di questa fetta di lavoratori, i cui stipendi si aggirano sui 600 euro al mese, è l’on. Daniela Ternullo.

“Si tratta di una brutta pagina di precariato” scrive la parlamentare – “che non contribuirò a scrivere ulteriormente”.

L’on. Ternullo chiede l’apertura di un tavolo con il governo nazionale e chiama a raccolta la politica, per risolvere la problematica.

Circa 130 i precari Asu in provincia di Siracusa, gran parte dei quali concentrati nel Comune di Avola.

(foto: l’on. D. Ternullo. A destra una manifestazione dei precari Asu – immagini da FB)

 © Riproduzione riservata