Sanità. Venerdì sit-in davanti all’ospedale “Umberto I” di Siracusa. Organizzato dai sindacati

Rinnovi contrattuali, sicurezza ed assunzioni nei servizi pubblici. Queste alcune delle rivendicazioni di Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl Siracusa-Ragusa e Uil Pa Siracusa che hanno indetto, per venerdì 13 novembre, una giornata di mobilitazione a sostegno della sanità.

I sindacati chiedono anche il potenziamento della medicina territoriale, “per garantire” – sostengono – “prevenzione e cura delle cronicità”.

Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl sottolineano come “al disagio del comparto sanità si associa quello vissuto da tutti i lavoratori dei servizi pubblici chiamati, per la peculiarità del lavoro, a dare assistenza, cura, servizi, informazioni, prestazioni e tutele a tutti i cittadini”.

Un sit-in si terrà dalle 9.30 alle 11.30, in via Testaferrata, davanti all’ingresso dell’ospedale “Umberto I” di Siracusa.

“La vertenza” – dichiarano i segretari delle sigle sindacali, Franco Nardi, Daniele Passanisi, Alda Altamore e Paolo Scimitto – “riguarda il delicato momento che i lavoratori del comparto sanità stanno vivendo a causa delle croniche ed elevate carenze di personale ed abnormi carichi di lavoro con turni massacranti ed elevati disagi lavorativi, connesse anche all’incremento stratosferico della domanda di salute dei cittadini in conseguenza dell’accelerazione dei contagi da Covid-19”.

(foto: archivio siracusa2000)